CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

In evidenza

  • Incassi da multe, lo studio di ImpresaLavoro al TG5

    Incassi da multe, lo studio di ImpresaLavoro al TG5

    CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

    Condividi Articoli che potrebbero interessarti: Multe: quest’anno i Comuni hanno incassato 1,34 miliardi di euro. Milano, Firenze e Bologna le città con il gettito pro capite più alto Chi paga più multe? Milano doppia Roma TG5 – Servizi scadenti ma pagati a peso d’oro Le sanzioni comunali a dieta, i dati di ImpresaLavoro Multe, incassi(…)

  • Reddito pro capite: in 10 anni noi italiani abbiamo perso 2.400 euro a testa. Siamo sotto la media UE e dell’area euro.

    Reddito pro capite: in 10 anni noi italiani abbiamo perso 2.400 euro a testa. Siamo sotto la media UE e dell’area euro.

    CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

    CondividiDal 2007 al 2017 gli italiani hanno perso l’8,4% del loro reddito pro capite, un calo pari a 2.400 euro a cittadino. Dopo essere diminuito da 28.700 a 26.300 euro, questo è ormai scivolato al di sotto della media sia dell’Area euro (30.400 euro) sia dei Paesi dell’Unione europea a 28 (27.700 euro). Negli ultimi(…)

  • In 10 anni redditi giù di 2.400 euro

    In 10 anni redditi giù di 2.400 euro

    CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

    Condivididi Ignazio Mangrano L’erosione della ricchezza privata dell’8,4% dal 2007 colloca il nostro Paese al di sotto della media europea. Per ImpresaLavoro «la colpa è di bassa crescita e tasse elevate». Dal 2007 al 2017 gli italiani hanno perduto l’8,4% del loro reddito pro capite, un calo pari a 2.400 euro a cittadino. Dopo essere(…)

  • E la PA rallenta ancora i pagamenti. I debiti dello Stato verso le aziende sono costati 4,1 miliardi nel 2017.

    E la PA rallenta ancora i pagamenti. I debiti dello Stato verso le aziende sono costati 4,1 miliardi nel 2017.

    CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

    Condivididi Antonio Signorini Cambiano maggioranze e governi, ma i ritardi nei pagamenti restano una costante della nostra pubblica amministrazione. Contro lo Stato cattivo pagatore si è mossa la Commissione europea (e l’allora vicepresidente Antonio Tajani), c’è una legge che stabilisce limiti di tempo precisi e poi le promesse degli ultimi due premier prima di Giuseppe(…)

  • La bolletta energetica delle famiglie è cresciuta dell’8,7% in 7 anni

    La bolletta energetica delle famiglie è cresciuta dell’8,7% in 7 anni

    CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

    CondividiSolo in sei Paesi europei si spende più che in Italia Pesano molto tasse e accise • Negli ultimi sette anni la bolletta dell’energia elettrica delle famiglie italiane è lievitata, confermandosi una delle più pesanti in Europa. Dal 2010 al 2017 il costo dell’energia per accendere gli elettrodomestici è cresciuto dell’8,7%. È il risultato di(…)

Niente ripartenza se le aziende restano a secco

Niente ripartenza se le aziende restano a secco

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Condividi*di Massimo Blasoni Si profila purtroppo un 2019 complicato per le imprese italiane e le previsioni di bassa crescita, se non di recessione, del nostro Pil rischiano di avverarsi. Tra i tanti, resta rilevante il problema del credito bancario, lo avvalorano gli ultimi dati disponibili di Banca d’Italia relativi al 2018. Se comparati con quelli(…)

Leggi tutto

In Italia l’età media per poter andare in pensione è sotto quella dei paesi UE

In Italia l’età media per poter andare in pensione è sotto quella dei paesi UE

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Condivididi Massimo Blasoni Il Governo pare acconciarsi a un ridimensionamento dei costi dell’applicazione di “Quota 100” alle pensioni. La misura sarà solo triennale e soprattutto le modalità di applicazione ridurrebbero il primo anno di un terzo le risorse inizialmente stanziate. Soprattutto per i lavori cosiddetti usuranti, l’età di pensionamento rappresenta un tema rilevante, ma è(…)

Leggi tutto

Servono gli investimenti, non i sussidi

Servono gli investimenti, non i sussidi

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

CondividiMassimo Blasoni, imprenditore nel settore della costruzione e gestione di residenze sanitarie per anziani con Sereni Orizzonti, uno dei gruppi nazionali leader di settore che occupa circa 3mila persone, cosa pensa della manovra? «Premesso che non sempre bisogna essere remissivi in Europa – condivido infatti la posizione sui migranti di Salvini – relativamente alla manovra(…)

Leggi tutto

Sul lavoro Italia ancora in ritardo

Sul lavoro Italia ancora in ritardo

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Condivididi Massimo Blasoni Il mercato del lavoro è in grande mutamento. L’innovazione tecnologica rende già oggi molte professioni automatizzabili e la rivoluzione digitale cambia molti dei modelli a cui eravamo abituati. Purtroppo da noi le regole sull’occupazione continuano invece a restare rigide. A sottolineare questo e altri aspetti sono i dati appena pubblicati nel report(…)

Leggi tutto

Per avere una pensione più alta basta uscire dalla gestione pubblica

Per avere una pensione più alta basta uscire dalla gestione pubblica

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Condivididi Massimo Blasoni Pensioni: converrebbe passare dall’attuale sistema a ripartizione a un modello a capitalizzazione individuale? Con l’attuale sistema versiamo, sostanzialmente senza alcun rendimento, contributi all’Inps che servono a pagare gli assegni di chi è in quiescenza oltre alle prestazioni assistenziali: Cassa Integrazione, indennità di malattia o invalidità. Concentriamoci sulla quota di contributi che serve(…)

Leggi tutto

Provate a non pagare puntualmente le tasse. Lo Stato lo fa da impunito con i suoi fornitori.

Provate a non pagare puntualmente le tasse. Lo Stato lo fa da impunito con i suoi fornitori.

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Condivididi Massimo Blasoni* Il rapporto tra Stato e cittadino non è sempre equilibrato, vale anche per gli imprenditori. Provate – ve lo sconsiglio – a non pagare le tasse. Sono, giustamente, guai seri. Quando però è lo Stato a dover saldare i propri fornitori, la musica cambia perché la Pubblica amministrazione paga quando vuole. Per(…)

Leggi tutto