La politica tributaria di Donald Trump

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Sulla stampa italiana si sono letti numerosi accenni, confusi e contraddittori, sulla politica tributaria che il nuovo Presidente degli Stati Uniti e il nuovo Congresso Usa intendono attuare. A tal riguardo è bene scaricarsi online e leggere con attenzione il lavoro appena pubblicato da David A. Weisbach: “A Guide to the GOP Tax Plan. The Way to a Better Way” (University of Chicago, Coase Sandor Institute for Law and Economics Research, Paper No. 788).

Si apprende infatti come la riforma tributaria (A Better Way) presentata dal Presidente della Commissione Finanze e Tesoro della Camera dei Rappresentati Ken Brady e dal Presidente della Camera Paul Rayan sarebbe, se attuata, la più completa dal varo dell’imposta sul reddito nel 1913. Riguarda in gran misura le imposte sulle aziende con l’abolizione delle imposte sui nuovi investimenti e delle detrazioni per spese al netto degli interessi, con eliminazione di imposte e tasse del reddito da vendite all’estero (ma tassando le importazioni a valore di mercato). I redditi da capitale verrebbero tassati ad aliquote pari alla metà dei redditi delle persone fisiche. Verrebbero poi abolite le tasse di successione sulla proprietà immobiliare trasmesse ad alcune categorie di eredi diretti come i figli ed i nipoti. La tassazione e l’imposizione si sposteranno infine gradualmente verso l’introduzione di un’imposta sul valore aggiunto analoga all’Iva europea.

Il documento riassume il lungo percorso per giungere alla formulazione ora completa e che riprende il programma di riforma tributaria allestito nel 2005 dalla Commissione di Esperti nominata da Bush (Growth and Investment Tax), il cui punto centrale era la riduzione dei redditi delle persone fisiche e giuridiche così come l’introduzione dell’Iva.

Restano ancora aperti diversi problemi: a) il disegno complesso dell’imposizione sulle imprese; b) le aliquote relative per imprese, partnerships, reddito da lavoro e imposte sul reddito da lavoro e da capitale delle persone fisiche; c) la tassazione internazionale ; d) l’imposizione su istituzioni e strumenti finanziari; e) la tassazione di fusioni ed incorporazioni aziendali; f) il differimento delle imposte sul reddito da capitale delle persone fisiche; g) i problemi collegati alla base tributaria delle persone fisiche come la deduzione sui mutui edilizi; f) la transizione dal sistema attuale al nuovo. Alcuni di questi possono essere facilmente risolti, altri sono più complessi e richiederanno mediazioni e compromessi. Tuttavia, il tracciato è chiaro.