Le banche italiane viste da Washington

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

In settimane in cui il sistema bancario italiano è nell’occhio del ciclone  – un ciclone che ha al suo centro il Monte dei Paschi di Siena – pochi hanno notato un paper redatto congiuntamente da un economista della Banca mondiale (Andreas Jobst) e uno del Fondo monetario internazionale (Anke Weber) sul tema della ‘profittabilità’ delle banche italiane. E’ un documento molto utile per meglio comprendere il contesto in cui sono nate e si sono sviluppate le crisi di alcuni istituti di credito italiani, specialmente quella del Monte dei Paschi di Siena, risolta temporaneamente con un massiccio intervento pubblico che ci auguriamo la riporterà entro pochi anni al mercato. Il lavoro si chiama “Profittabilità e riparazione dei conti economici delle banche italiane” (“Profitability and Balance Sheet Repair of Italian Banks”, IMF Working Paper No 16/175) ed è scaricabile gratuitamente dal sito del Fondo Monetario.

L’analisi prende l’avvio dalla constatazione che la ‘profittabilità’ delle banche italiane dipende in gran misura da tre determinanti: a) la robustezza della ripresa dell’economia reale; b) la politica monetaria e c) gli effetti e gli impatti di riforme del settore, segnatamente di quelle mirate a risolvere ostacoli strutturali alla soluzione del problema di crediti inesigibili e incagliati nonché a promuovere il consolidamento del settore. Un miglioramento della ‘profittabilità’ faciliterebbe il reperimento di capitali per migliorare la capitalizzazione e una necessaria operazione di ripulitura dei bilanci. Il documento esamina in termini quantitativi la capacità attuale e futura di realizzare utili. Un’analisi quantitativa delle 15 maggiori banche porta a concludere che in generale il sistema bancario italiano produce profitti solo leggermente inferiori alla media dell’eurozona. Ci sono però differente marcate e una forte eterogeneità nel settore. Numerose banche dovrebbero ampliare il loro margine se l’economia reale migliorasse. Tuttavia, anche in caso di favorevoli ipotesi di crescita dell’economia, numerose banche di piccole dimensioni continueranno ad avere problemi di ‘profittabilità’:  in tal caso è urgente una ripulitura dei loro bilanci, insieme a misure di riduzione dei costi e a un miglioramento della loro efficienza.

In altro lavoro del Fondo monetario Anke Weber, Emanuel A. Kop e José Garrido (IMF Working Paper No 16/135) indicano specificamente quali sono le misure le riforme legali e manageriali per raggiungere questi obiettivi.