L’elemosina Ue per (non) fermare l’invasione

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

di Francesco Borgonovo – La Verità

C’è un sacco di gente, in questi giorni, che si straccia le vesti perché nel continente europeo stanno riaffiorando gli «antichi nazionalismi». Ricompaiono le frontiere, si scavano di nuovo – e più profondi – i confini. Cosi, i fanatici dell’integrazione europea sono pronti a tutto pur di arrestare l’ondata di populismo che avanza. Persino a sostenere l’idea di una «Europa a due velocità» partorita da Angela Merkel nel tentativo di non smarrire per strada nemmeno una briciola di potere assoluto.

Beh, a chi magnifica il grandioso aiuto che ci ha fornito l’Unione europea in questi anni forse è il caso di sottoporre la tabella che pubblichiamo in questa pagina, realizzata da ImpresaLavoro (impresalavoro.org), centro studi presieduto dall’imprenditore Massimo Blasoni. I ricercatori, elaborando i dati forniti nel corso degli anni dal ministero dell’Economia e delle Finanze, hanno messo nero su bianco il contributo che Bruxelles ha dato al nostro Paese onde affrontare al meglio l’emergenza immigrazione.

L’Italia, dal 2011 al 2016, ha speso qualcosa come 11,693 miliardi di euro per sostenere le spese dell’accoglienza e dell’ospitalità a beneficio degli stranieri. Altri 4,174 miliardi saranno sborsati per l’anno in corso. Insomma, una marea di denari. E dall’Ue che cosa è arrivato? Gli spiccioli. Facendo la media, stiamo parlando di poco più di 105 milioni di euro l’anno. Una miseria. Il dato risulta ancora più umiliante se consideriamo l’invasione migratoria nel suo complesso, e il ruolo che l’Ue vi ha giocato. Sono stati proprio gli accordi europei ad averci imposto,fino ad oggi, di farci carico di tutti gli stranieri in arrivo – via mare o via terra – nel nostro Paese. È stata l’Europa a sanzionarci perché non prendevamo le impronte digitali agli immigrati. Sempre l’Ue ha avanzato dubbi sulla gestione dei centri di identificazione e di espulsione e ci ha obbligato ad aprire i famigerati hotspot, che (secondo un recente studio commissionato dal Senato) si sono rivelati una fabbrica di clandestini.

Fate due conti e chiedetevi: l’Europa ci ha aiutato o ci ha danneggiato? La risposta è facile. Non c’è un aspetto della questione migratoria su cui Bruxelles non abbia tradito i patti. A cominciare dai famigerati «ricollocamenti», cioè i trasferimenti di profughi dal nostro Paese ad altri Stati comunitari. Una misura che si è rivelata un clamoroso fallimento, dato che i nostri amici europei nel corso dell’ultimo anno se ne sono allegramente fregati della nostra sorte e si sono per lo più rifiutati di farsi carico dei nostri rifugiati. Da una parte, dunque, l’Ue ci ha obbligato ad accogliere. Dall’altro, ci ha versato annualmente molti meno soldi di quelli che ora verranno dati all’Africa sotto forma di aiuti. All’ultimo vertice sull’immigrazione tenutosi a Malta, infatti, si è stabilito che vengano versati, nel solo 2017, 200 milioni di euro per aiutare la Libia ad affrontare il traffico di migranti. Soldi che si vanno ad aggiungere ai 31 miliardi stanziati per il piano di sviluppo del Continente nero. Ridicolo, vero? L’Ue ha dato più soldi agli africani che agli italiani.

Risultato: dobbiamo sborsare una marea di soldi di tasca nostra. Il premier Paolo Gentiloni, giorni fa, ci ha presentato l’accordo con la Libia come un passo fondamentale nella risoluzione del problema immigrazione. La verità, però, è che anche nel 2017 spenderemo un sacco di denari per l’accoglienza. Vari Comuni sparsi sul nostro territorio hanno già pubblicato bandi validi per i prossimi 12 mesi, onde invitare privati e associazioni a partecipare all’accoglienza, in cambio di milioni sonanti. Nel frattempo, la cronaca continua a raccontare brutte storie come quella di Savona, dove ieri sono stati arrestati un poliziotto e due funzionari della Prefettura nell’ambito di un’indagine riguardante proprio la gestione dell’accoglienza. I contribuenti spendono. I furbi, al solito, tentano di farci la cresta. Per farla breve, il giro d’affari non accenna a diminuire. Anche perché gli sbarchi a non calano, non c’è accordo che tenga. Solo ieri sono sbarcati a Brindisi 500 stranieri in arrivo – guarda caso – dalla Libia. Altri 500 hanno fatto rotta verso Augusta. Ecco che cosa accade a fidarsi dell’Europa.