Le riforme solo annunciate non convincono più nessuno

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Edoardo Narduzzi – Italia Oggi

I gufi si stanno accanendo sul pil 2015. Dopo Bankitalia e Standard&Poor’s anche il Fondo monetario internazionale ha più che dimezzato le sue previsioni sull’anno in corso portandole a un +0,4%. L’agenzia di rating, a inizio dicembre, nel motivare il downgrade aveva scritto «crescita perennemente debole» e ora il Fmi chiarisce che neppure nel 2016 il pil raggiungerà quota 1%, fermandosi a un misero 0,8%. Insomma l’Italia dei troppi governi emergenziali e di larghe intese, cioè di intese politiche che vanno oltre i risultati delle urne, rimane buona ultima in termini di crescita economica.

Il confronto con la Spagna deve far riflettere. Quello iberico è l’unico pil rivisto al rialzo dal Fmi per il 2015 al +2% a riprova che le riforme dei governi monocolore politici spagnoli sono state efficaci. Madrid, del resto, non ha solo annunciato ma ha anche fatto: abolite le camere di commercio; privatizzata buona parte della sanità; tagliata la tredicesima al pubblico impiego; riformato per tutti e non solo per i neoassunti il mercato del lavoro; tagliate le aliquote sugli utili delle imprese. L’economia spagnola è oggi profondamente diversa da quella del 2008.

Perché in Italia neppure l’ultima legge di Stabilità, presentata dal duo Renzi-Padoan come un taglio storico delle tasse, è riuscita a stimolare il pil? È abbastanza evidente che con queste previsioni di crescita al rating dell’Italia basta un mini incidente di percorso per sprofondare nella categoria dei titoli spazzatura dai quali i Btp sono separati solo da un notch di giudizio. E ciò dovrebbe preoccupare, perché gli agenti del mercato segnalano di non credere più nella capacità riformista italiana poiché tra quanto annunciato a ripetizione dai governi recenti del Belpaese e quanto poi realizzato ci passa troppa differenza. I contenuti delle slide alle primarie sono rivoluzionari, si annacquano una volta preparate a Palazzo Chigi e diventano un brodino inutile a curare la malattia quando vengono pubblicate sulla gazzetta ufficiale. Adesso le aspettative hanno imparato razionalmente a fare la tara alle slide italiche e si incorporano così nelle previsioni sul pil futuro depotenziandone la probabilità di crescita.

Ovvio che un paese come l’Italia, che deve ripagare uno stock di debito pubblico importante, non può permettersi di rinviare al 2017 o al 2018 la possibilità di crescere almeno dell’1%. È vero che il Premier ha contro parte dell’establishment, della burocrazia e del suo stesso gruppo parlamentare, ancora espressione della segreteria welfarista di Bersani, ma è altrettanto vero che se la crisi italiana non fosse stata tanto profonda e critica mai Renzi avrebbe potuto bruciare le tappe verso il potere. Da lui gli italiani e gli investitori non si aspettano quattro slide ma riforme davvero mirabolanti.