Scaricare colpe sulla Ue? I profughi li abbiamo voluti noi

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Davide Giacalone – Libero

Di corbellerie ne sono state dette e fatte troppe. Si provi a presentarsi al Consiglio europeo del 25 giugno con proposte sensate. Sul fronte dell’immigrazione non possiamo giocarci né l’umanità, né la dignità e nemmeno la legalità. Si dovrebbe far la voce grossa quando si hanno le carte in regola, e s’è taciuto, invece si alzano i toni quando si è intellettualmente afoni.

Il problema è troppo serio per abbandonarlo ai branchi contrapposti di ipocriti buonisti e insensati cattivisti. Purtroppo le cose dette dai governanti, fin qui, non incarnano soluzioni possibili, ma manifestano il panico di chi parla al solo scopo di non mostrarsi ammutolito e disorientato. Anche il governo s’è iscritto al piagnisteo generale, sperando di potere scaricare sull’Europa le proprie colpe. È diventata una cantilena: sale il debito pubblico? L’Europa non ha politiche serie; non parte la ripresa? L’Europa conosce solo il rigore; sbarcano i disperati? L’Europa è egoista. Cantilena fessa assai.

Hanno sbagliato tutto quello che potevano sbagliare. Il semestre europeo è stato sprecato per farsi fotografare, laddove il solo potere della presidenza di turno è quello di fissare l’ordine del giorno e convocare conferenze informali. Se ne è fatta una sull’immigrazione? No. Sono state fatte proposte percorribili? No. In compenso ci siamo autotruffati, adottando il vocabolario della confusione e chiamando “migranti” situazioni e soggetti diversi. Nel diritto si dividono in: richiedenti asilo, rifugiati che lo hanno ottenuto, immigrati economici con il permesso e clandestini. Riunirli sotto un solo vocabolo rende irrisolvibile la faccenda. Il problema non sono gli immigrati regolari, che si segnalano per integrazione e per positivo contributo alla crescita del prodotto interno lordo. Il problema è non sapere distinguere e frullarli con gli altri.

L’inizio della soluzione non consiste nello smontare il regolamento di Dublino (secondo cui i richiedenti asilo, quindi solo una parte del flusso, restano nel Paese d’approdo, fino al riconoscimento del diritto e alla loro finale destinazione), ma nel mettere il processo di distinzione, accoglienza o respingimento, in capo ad una comune amministrazione europea. Quello è l’obiettivo da raggiungersi. Non serve un manuale d’istruzioni, così come immaginato dalla Commissione Ue, serve la gestione comune. Senza la quale non ci sarà divisione di quote. O funzionerà male e per poco tempo (magari solo aspettando il ritorno del cattivo tempo e affidando alla meteorologia quel che la politica non sa fare).

Per gestire assieme è necessario che la terra su cui gli extracomunitari mettono piede non sia soggetta ad alcun diritto interno (italiano, spagnolo, greco o altro), ma risulti extraterritoriale rispetto a tutti. Non una zona nell’Ue, ma una a diretto governo Ue. L’immigrazione scatena reazioni, razionali e irrazionali, in tutto il mondo ricco, che talora ne è minacciato e più spesso se ne immagina minacciato, ma è ozioso e sciocco scambiarsi l’accusa di egoismo. Il solo effetto che si ottiene è far crescere l’antieuropeismo irragionevole, indebolendo la propria posizione nazionale. Ed è questa la più grave colpa di una classe dirigente inadeguata. Si accantonino questi argomenti, quindi, li si lasci ai bar e alle piazze, sapendo che il solo modo per combatterli è trovare soluzioni. Che sono: l’extraterritorialità e la gestione comune, con comune potere di accoglienza e respingimento.

Le altre trovate sono burlette, da disperati disperanti. Supporre di costringere le navi che salvano i naufraghi a portarli nel Paese di cui battono bandiera non è solo contrario al diritto della navigazione, ma anche al più banale buon senso (immaginate una nave canadese che fa rotta verso Suez e che, avendo salvato delle persone nel Canale di Sicilia debba portarle in Canada!). Lasciar correre furbate allocche, come quella dei permessi temporanei, per smentirle in pasticciato ritardo, è segno che oltre alla cravatta s’è persa anche l’idea di cosa sia un governo della Repubblica. Se l’obiettivo è quello di farsi dare dei buffoni, lo strumento individuato è efficace. E più si discute di tali scempiaggini, più ci si dimostra incapaci, più crescono il panico e le reazioni irrazionali. Foraggio per buonisti e cattivisti, ruminanti con due stomaci e punto cervello.