Come far crescere l’economia

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

In questi ultimi giorni sono stati pubblicati due paper che spiegano indirettamente perché il Governo Renzi ha fatto cilecca, soprattutto in materia di crescita economica, e per quali motivi gli italiani hanno respinto a grande maggioranza, le sue proposte di riforma.

Il primo è un lavoro congiunto di Università scandinave ed americane. Ne sono autori Carl Henrik Knutseon (Università di Oslo), John Gerring (Università del Texas ad Austin) e Svend Eruk Skaaning (Università di Aarhus). Il suo titolo è “Local Democracy and Economic Growth” ed è apparso in una rivista politologica piuttosto che economica (V.Dm, Working Paper 2016.39). Il lavoro riprende studi teorici di North e Putnam, che promuovono la democrazia a livello locale con controllo sociale e incentivi ai politici locali in modo che scelgano politiche che favoriscano lo sviluppo economico, tra cui l’offerta di beni pubblici. Applicano i teoremi di North dal 1900 ai giorni nostri e trovano prove robuste che la democrazia locale favorisce la crescita. Il nesso è valido anche tendendo conto di effetti specifici di singoli Paesi o di particolari periodi temporali. Test econometrici aggiuntivi dimostrano che la relazione è ancora più chiara e più forte in contesti in cui il gioco democratico opera meglio e con maggiore efficacia a livello centrale/nazionale e quando le regioni hanno un ruolo più spiccato nella formulazione e attuazione di politiche economiche. Una tesi che contraddice l’ipotesi del referendum renziano di trasferire competenze dalla periferia al centro. Se ci sono state o ci sono disfunzioni, vanno curate senza bloccare sul nascere la democrazie locali.

Il secondo lavoro – apparso su Economic Inquiry (Volo.55 pp. 98-114, 2017) – è quello di Santiago Acosta-Ormaecha (Fondo Monetario) e Atsuyoshi Morozumi (Università di Nottingham) e spiega come riallocare la spesa pubblica in funzione della crescita economica a seconda dei differenti livelli di reddito. Lo studio copre 83 Paesi nel periodo 1970-2011 e conclude che il modo più efficace consiste nel riallocare verso l’istruzione spese destinate al welfare. Una strategia ce va applicata in particolare a Paesi a basso reddito medio.