Per gli orari dei negozi la marcia indietro sulla liberalizzazione

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Corriere della Sera

Negozi chiusi nei giorni di festa. Due anni e mezzo fa il Salva Italia del governo Monti ha cancellato in un sol colpo tutte le chiusure obbligatorie. Oggi si va verso una retromarcia. Più rapida del previsto. Già la settimana prossima il disegno di legge che reintroduce 12 festività con le saracinesche abbassate arriverà alla commissione Attività produttive della Camera. L’obiettivo è portare il testo in aula entro i primi di ottobre

Ad agosto sono stati depositati oltre 150 emendamenti «Ma una base di condivisione della proposta esiste. Certo, con alcune correzioni», assicura il relatore del disegno di legge, Angelo Senaldi, Pd. Sul piano politico l’obiettivo è di quelli ambiziosi: tenere insieme i partiti della maggioranza con il M5S. Non sarà facile. Il movimento di Beppe Grillo è favorevole al ripristino delle chiusure. Mentre nella maggioranza Scelta Civica difende a oltranza la liberalizzazione. Da notare che nel Pd (e anche in Forza Italia) esistono posizioni spesso opposte. «Faremo passi sia interni al Pd sia nella maggioranza e con il govemo per arrivare a una sintesi condivisa», prepara il terreno Senaldi.

Nel Pd la maggioranza renziana si è sempre detta favorevole alle liberalizzazioni. Ma le associazioni del piccolo commercio hanno argomenti convincenti, anche sul piano del consenso. Intanto la distribuzione organizzata promette battaglia. «Con questa controriforma non si tutelano gli imprenditori deboli,come dice qualcuno, ma quelli marginali – attacca Mario Resca, presidente di Confimprese -. I partiti si prestano al gioco delle lobby corporative. Proprio mentre una nuova classe di imprenditori giovani sta cambiando il commercio». Dal canto suo Federdistribuzione fa notare che 13 pronunce della Corte costituzionale hanno ribadito la legittimità delle liberalizzazioni. Secondo l’associazione, con le 12 giornate di chiusura obbligatoria si perderebbero 7-8.000 posti di lavoro. «Ora il problema è politico. Non esiste una giustificazione economica a una marcia indietro sul Salva Italia – analizza Giovanni Cobolli Gigli, presidente di Federdistribuzione -. Assurdo sarebbe che a seguire questa strada fosse un governo che ha fatto della semplificazione la sua bandiera».