Riforme alla prova

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Giuseppe Turani – La Nazione

Giorgio Squinzi, che è un uomo prudente e presidente di Confindustria, di fronte alla manovra (annunciata) di Renzi arriva a esclamare: realizzato il nostro sogno. Esattamente l’opposto di come reagisce la Cgil di Susanna Camusso: manifestazione il 25 e poi, probabilmente, sciopero generale. La manovra, per come è stata spiegata, sembrerebbe perfetta (o quasi). Renzi pare avere convinto anche quelli dell’agenzia di rating Moody’s. Si tratta di 30 miliardi in uscita e in entrata, una manovrona quindi. Ma, soprattutto, non si vedono tasse o altri aumenti di balzelli

I 30 miliardi in entrata vengono recuperati sostanzialmente in due modi: un po’ di debiti in più (11,5 miliardi), nel senso che si alza il disavanzo, e dai tagli di spesa (13,3 miliardi, a carico di regioni, comuni, province e ministeri). In più ci sono altre piccole voci (lotta all’evasione, slotmachine, detrazioni, eccetera). I vari enti locali stanno già urlando, ma poiché sono dei noti spendaccioni qualche taglio va bene. In sostanza, tutto a posto. A patto che queste cifre diventino poi realtà vera. Tagliare 13,3 miliardi di spesa pubblica non è facile come dirlo. Soprattutto se va tutto a carico di ministeri ed enti locali. Il sospetto è che poi, in corso d’opera (come si suole dire) i 13,3 miliardi diventino magari solo cinque è forte. E un po’ spiace che i tagli avvengono ‘ritagliando’ i finanziamenti alla struttura pubblica esistente senza intaccarla: tutti sappiamo che c’è molto da sfoltire, ma qui si riducono solo un po’ i finanziamenti. Comunque, meglio di niente. O di una manovrina da 14 miliardi.

Interessante anche il modo in cui verranno spesi questi soldi. Le due voci più importanti sono: 10 miliardi per i famosi 80 euro e 6,5 miliardi per un’ulteriore riduzione dell’Irap. Poi c’è anche il no-contributi per i primi tre anni, quando un’impresa fa un’assunzione a tempo indeterminato. A sentire gli annunci di Renzi, quindi, non ci sono nuove tasse (anzi c’è una robusta riduzione) e invece ci sono sgravi e aiuti per il lavoro (e infatti lui ha gridato agli industriali: adesso non avete più scuse, assumete). Più che comprensibile, quindi, l’entusiasmo di Squinzi e degli imprenditori: per la prima volta non si parla di nuove tasse e, anzi, gliene vengono tolte un po’. Sull’altro fronte la Cgil della Camusso si dichiara invece totalmente insoddisfatta più che altro perché Renzi non rinuncia a cancellare il famoso articolo 18 e perché, a detta della Cgil, si andrebbe verso un’ulteriore precarizzazione del lavoro.

È questa la scossa di cui aveva bisogno l’economia italiana per rilanciarsi? No. Serviva molto di più. Soprattutto serviva mandare un segnale che la struttura della pubblica amministrazione cambia, che si chiudono un po’ di società locali e che si va a scavare a fondo nella spesa sanitaria delle Regioni, un noto luogo di sprechi e imbrogli. E magari, anche l’annuncio che la complicatissima struttura amministrativa dello Stato italiano veniva un po’ semplificata. Però, se quello che è stato annunciato verrà fatto davvero, siamo già sulla buona strada.