Zero tasse sulle start up per rilanciare l’occupazione

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

di Massimo Blasoni – La Verità

C’è poco per le imprese e il rilancio dell’economia nella legge di Stabilità che verrà portata in Parlamento. Certo non si può pretendere molto da una manovra sostanzialmente assorbita dalla sterilizzazione dell’aumento dell’Iva. Tuttavia sono state proposte soltanto una nuova decontribuzione sulle assunzioni dei giovani a tempo indeterminato (aperte soltanto per il primo anno agli under 35) e il mantenimento degli iper ammortamenti per alcuni investimenti aziendali. Misure condivisibili ma non sufficienti, se solo pensiamo che lo scorso anno sono espatriati ben 124.076 italiani (+15,4% rispetto al 2015), di cui quasi la metà sono giovani, e soprattutto se consideriamo che restiamo l’unico grande Paese europeo con un Pil reale inferiore a quello del 2007, ultimo anno pre-crisi.

Poiché vi è poco spazio per nuova spesa pubblica vanno create le condizioni per nuovi investimenti privati. Occorre sburocratizzare per favorire le imprese esistenti ma necessitiamo anche, e forse soprattutto, di nuove imprese: un’occasione per i giovani per creare occupazione e dispiegare la propria creatività senza dover cercare un approdo fuori dai confini nazionali.

Per favorire la costituzione di start-up esistono decine di programmi di contributi pubblici che Stato e regioni hanno fin qui attivato senza ottenere grandi risultati. Si tratta spesso di misure tortuose (rese impervie da innumerevoli domande, bolli e regolamenti) che rimangono in parte inutilizzate o che paradossalmente impiegano la maggior parte delle risorse nelle strutture pubbliche preposte alle istruttorie dei singoli progetti. Passano anni prima che i richiedenti ricevano finanziamenti o garanzie al credito: nel frattempo l’azienda è autonomamente decollata oppure è già morta.

Un’idea liberale per creare nuove imprese? Ridare vita al decreto Tremonti n. 357 del 1994, che stabiliva la completa detassazione delle nuove imprese costituite da under 32. Toglieva Ires e Irap, eliminava le imposte comunali per l’esercizio di imprese e sugli immobili; toglieva anche la tassa per l’occupazione di spazi e aree pubbliche e soprattutto (e per ogni tributo) i connessi adempimenti. Quel beneficio valeva per un triennio e sino alla rilevante soglia di un miliardo annuo di lire, cioè un milione di euro attuale o giù di lì. Se riproposta, questa misura potrebbe favorire la nascita di un rilevante numero di imprese e connessi posti di lavoro. Funzionerebbe? All’epoca funzionò e personalmente fu decisiva affinché nel 1996 decidessi anch’io di avviare un’attività con ex compagno di classe: oggi è una Spa che occupa quasi 2.500 persone e opera in tutta Italia.