Il Jobs Act c’è. Poche chiacchiere

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Il Foglio

È sbagliato considerare chissà quale retromarcia i ritocchi annunciati al Jobs Act, compresa la possibilità di reintegra (peraltro demandata ai decreti D’attuazione) per circostanziati licenziamenti disciplinari. Chi lo dice guarda al dito anziché alla luna. Il primo soddisfa le temporanee vanità di minoranze e partitini che giustificano così la propria presenza. La luna è l’introduzione anche in Italia della regola aurea di ogni paese civile: non esiste lavoro senza giusto profitto, e non esiste l’abbonamento a vita al posto fisso, mentre in una vita è lecito e spesso utile cambiare più lavori. La riforma introduce il diritto dell’imprenditore a licenziare, dietro indennizzo, per motivi economici: è così ovunque, anche nell’Europa del Welfare state, ma per l’Italia pare una rivoluzione.

Gli stranieri, imprese e istituzioni come Banca centrale europea e Ocse, dicono che qui è più facile separarsi dalla moglie che da un dipendente. Basta guardare ai 118 milioni di ore di cassa integrazione, in gran parte straordinaria, erogati in dieci mesi per mantenere posti fasulli, spesso con aziende decotte o chiuse. L’equiparazione tra “lavoro” e “posto” non esiste nelle economie ad alta occupazione, ma resta un dogma per la Cgil dello sciopero surreale del 5 dicembre, e per la Fiom che ha cavalcato quello “sociale” di ieri. Nel quale sono echeggiate minacce per Matteo Renzi, proprio nelle ore in cui alcuni suoi collaboratori venivano costretti sotto scorta. In Italia per impedire le riforme del lavoro si è ucciso: non dimentichiamolo ora che si ha il coraggio di cambiare.