Il liberalismo quale alternativa al socialismo

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Carlo Lottieri

Ogni teoria della giustizia è in qualche modo una teoria egualitaria, in virtù del fatto che nel momento stesso in cui pone le proprie regole essa deve pretendere che tali criteri siano applicati in maniera uniforme e coerente. Se ad esempio difendiamo una prospettiva meritocratica, è evidente che uguali comportamenti devono ricevere identico trattamento. E così anche quando nelle società rigidamente stratificate si distinguevano i membri dell’aristocrazia dalle altre categorie sociali, era chiaro che tale differenziazione implicava il principio di una “comune dignità” tra tutti quanti erano parte a pieno titolo dell’élite.
Se in un modo o nell’altro ogni ordine legale pretende una formale equiparazione (o equalizzazione) degli individui, la prima lezione che bisogna ricavare è che le maggiori tensioni politico-culturali riguardano i criteri a partire dai quali definiamo il tipo di eguaglianza che consideriamo giusta e degna di essere perseguita.
Alla base del pensiero liberale c’è l’idea di una comune dignità di tutti gli uomini. È ovvio che in ogni società vi sono santi e criminali, eroi e vigliacchi, saggi e mascalzoni, ma ogni essere umano merita un rispetto che discende direttamente dal suo appartenere all’universalità umana. La tesi teologica propria del cristianesimo, che vede in ogni individuo un “figlio di Dio”, si è storicamente convertita nell’universalismo liberale, che è premessa al riconoscimento ad ognuno di diritti fondamentali e inalienabili.
In parte, il socialismo è debitore verso questa impostazione. Nella tradizione che include il marxismo, la socialdemocrazia e il welfare State, a ogni uomo vanno garantite quelle libertà fondamentali senza le quali l’esistenza stessa non sarebbe degna di essere vissuta. Ma mentre i liberali chiedono semplici tutele “formali” (il diritto di non essere aggrediti), il socialismo si propone di assicurare a chiunque reddito, lavoro, istruzione e cure mediche, e così via.
Questa posizione ha un elemento paradossale. In fondo, i teorici socialisti accusano il liberalismo di perseguire un’uguaglianza a metà: che permetta e chiunque d’intraprendere, ma che non garantisce affatto sui risultati. In una società liberale non è considerato “ingiusto” che qualcuno possa morire di fame o che un ragazzo intelligente non possa accedere agli studi superiori. Simili situazioni sono spiacevoli e ognuno è chiamato ad agire perché le cose cambino, ma non c’è necessariamente un crimine all’origine di tali realtà. Nella logica del collettivismo statalista, invece, l’obbligo morale di aiutare il prossimo si converte in potere per le istituzioni politiche.
Nel combattere le diseguaglianze di fatto i socialisti finiscono per produrre risultati inattesi, che forse essi stessi rigetterebbero se solo fossero consapevoli delle conseguenze dei loro stessi assunti teorici.
L’obiettivo egualitario su cui sono costruite le società socialiste implica una redistribuzione delle risorse, e quindi un apparato politico-burocratico che si faccia carico di tutto ciò. Questo spiega perché in ogni società di welfare, come già nei paesi comunisti, vi sia una super-classe che ottiene innumerevoli privilegi in nome della necessità di “accudire gli orfani e proteggere le vedove”.
Oltre a ciò, il ceto incaricato di affermare una più alta giustizia si considera legittimato a usare la coercizione. In questo modo la stratificazione sociale non è più l’esito della differente fortuna imprenditoriale, della lotteria naturale dei talenti o della libera scelta di chi dona ad altri le proprie risorse o le lascia in eredità ai figli: essa è il frutto della pianificazione autoritaria che è secreta dal gioco politico e dalla volontà degli interessi più forti e organizzati che a esso prendono parte.
Essendo una teoria centrata sullo Stato e volta a vedere nella giustizia solo un prodotto della pianificazione pubblica, il socialismo – nelle sue varie forme e nei suoi vari colori – è quindi il nemico fondamentale della libertà individuale, del pluralismo, della responsabilità. Al di là delle apparenze, esso è una concezione avversa a ogni progresso e novità, e soprattutto intimamente nemica di quell’attitudine a discriminare (a scegliere, optare, privilegiare) che è al cuore stesso della libertà degli individui.