Le opportunità, i rischi

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Fabrizio Forquet – Il Sole 24 Ore

Il ministro Padoan non la considera certo una risposta ai dubbi avanzati dal Financial Times. Ma l’urgenza con cui ha convocato la riunione di ieri al ministero dell’Economia per il rilancio del piano di privatizzazioni è un po’ anche questo. Padoan vuole evitare che si faccia strada sui mercati internazionali l’idea di un Paese avvitato nella crisi, il cui stesso governo non ha fiducia nei suoi asset industriali, gioielli o meno che siano.

«Il processo riparte – spiegava ieri il ministro – c’è un quadro strategico generale. E non abbiamo nessuna intenzione di deflettere». Il messaggio è chiaro: non solo il governo – come ventilava il quotidiano anglosassone – non rinuncia al suo piano, ma anzi intende accelerare proprio sulla dismissione di quote dei suoi due asset di maggior valore: l’Eni e l’Enel. Non c’è dubbio che la collocazione tutt’altro che brillante di Fincantieri abbia lasciato un segno, così come è stato un “sacrificio” per il Mef dover prendere atto che la cessione sul mercato del 40% di Poste dovrà aspettare almeno un anno, ma il ministro non intende rinunciare all’obiettivo programmato dei dieci miliardi di dismissioni per quest’anno. Perlomeno vuole arrivarci molto vicino. Cinque miliardi dovranno allora arrivare dal 5% di Eni ed Enel, altri 3 sono il frutto del rimborso dei Monti-bond, eppoi Stm e qualche altro spicciolo. «Il team dell’Economia è al lavoro», dice. A guidare la squadra il ministro ha messo direttamente il suo capo segreteria tecnica, quel Fabrizio Pagani che aveva impostato il piano privatizzazioni già da Palazzo Chigi ai tempi di Enrico Letta. Rispetto a quel programma originario le difficoltà non sono mancate e non mancano. Ma è giusto essere realisti. Non ci sono né il clima, né le opportunità della prima fase delle privatizzazioni. E tuttavia c’è un buon interesse nel mondo verso l’Italia, i fondi americani sono più che liquidi, dalla Cina alla penisola arabica sono in tanti a cercare buone occasioni di investimento in Italia.

Vent’anni fa quel clima e quelle opportunità furono in gran parte sprecate, con tanti, tantissimi errori. Ora un buon mix di prudenza, ma anche volontà di andare avanti può produrre risultati migliori. Purché le aspettative non siano troppo alte. E purché si abbia piena consapevolezza dell’alta selettività del mercato. Valorizzare prima di dismettere non è solo una regola aurea, è una necessità operativa. Pena il fallimento.